Scuola media Jannuzzi, Andria

Descrizione

Il Comune di Andria ha affidato, a seguito di una regolare gara pubblica, al R.T.I.P. Finepro srl – Tèkne srl – ing.Giuseppe Sforza e Geol. Angelo Ruta l’incarico dei servizi relativi all’architettura e all’ingegneria inerenti
la progettazione definitiva, vulnerabilità sismica, relazione geologica, acquisizione pareri, progettazione esecutiva, direzione lavori, misure contabilità, certificazioni, attestati e coordinamento per la sicurezza in fase di progettazione ed esecuzione dei lavori di “Messa in sicurezza, adeguamento a norme, ristrutturazione e manutenzione straordinaria dell’edificio scolastico Jannuzzi ‐ Ristrutturazione con demolizione e
costruzione”.
L’edificio scolastico “Jannuzzi”, realizzato negli anni ’60, è ubicato tra le vie: Domenico Bolognese; Riccardo Jannuzzi; gen. Guido Sinisi; Francesco Mazzone di Andria; occupa un lotto pressoché rettangolare del
centro cittadino di superficie pari a circa 4.960 mq. Esso è costituito da un insieme di corpi edilizi strutturalmente adiacenti e connessi, a formare un unico complesso edilizio su livelli seminterrato, terra, rialzato e primo; con un’articolazione volumetrica variamente conformata.

Descrizione

DATA
2018 - in corso
LOCALITÀ
Andria (BT)
CLIENTE
Comune di Andria

Scarica la scheda tecnica 

DETTAGLI

In ossequio alle prescrizioni contrattuali, si è provveduto nel procedere all’analisi di vulnerabilità sismica e dati i valori di resistenza del conglomerato cementizio e dell’acciaio, assolutamente scadenti, si è proceduto alla progettazione definitiva ed esecutiva prevedendo la totale demolizione del fabbricato esistente e la realizzazione ex novo dell’edificio scolastico. Il progetto, conforme alle prescrizioni della normativa vigente in materia scolastica, prevede la realizzazione
di una scuola media da 225 alunni che si inserisce nel lotto esistente consentendo la realizzazione di impianti sportivi all’aperto e una gestione autonoma delle attrezzature collettive (palestra, spogliatoi, aula
polifunzionale, campi all’aperto) rispetto agli spazi della didattica veri e propri. Il nuovo edificio e i suoi spazi, oltre che in riferimento al DM del 18/12/1975, sono progettati secondo le linee guida e in applicazione dei
principi innovativi “1+4”; degli spazi educativi, garantendo la fruibilità e la perfetta funzionalità di tutti gli spazi, al fine di favorire l’aggregazione tra le attività didattiche.
– Spazi di gruppo
– Spazio individuale
– Spazi dell’esplorazione
– Piazza o Agorà
– Spazi Informali e del relax

IN PARTICOLARE

Tèkne ha curato la progettazione degli impianti meccanici e a fluido, degli impianti antincendio e degli impianti elettrici e speciali nonché il coordinamento della sicurezza in fase di progettazione.

Secondo quanto previsto nel progetto architettonico e in relazione alle esigenze evidenziate sono stati progettati i seguenti impianti:
-Impianto idrico‐ sanitario‐ fognante;
-Impianto di termo‐refrigerazione;
-Impianto aeraulico;
-Impianti elettrici e speciali
L’impianto idrico sanitario sarà unico per tutto l’edificio e costituito da riserva idrica, gruppo di pressurizzazione, tubazioni di distribuzione e apparecchi sanitari e rubinetteria. La produzione di acqua calda sanitaria per il blocco spogliatoi della palestra è demandata ad uno scaldacqua a pompa di calore di capacità di 250 litri.

L’impianto di riscaldamento sarà costituito da diversi generatori di calore ciascuno dei quali a servizio di una zona differente. Sistema di generazione a pompa di calore per l’edificio scolastico, per la sala polifunzionale e per gli spogliatoi della palestra. La palestra sarà climatizzata da un impianto rooftop. L’impianto di termorefrigerazione previsto avrà come terminali, pannelli radianti a soffitto per il riscaldamento dell’edificio scolastico. L’impianto aeraulico dell’edificio scolastico sarà costituito da due recuperatori di calore ad elevata efficienza energetica a servizio di ciascun piano dell’edificio scolastico.

Gli impianti elettrici e speciali previsti nel presente progetto sono suddivisi per le seguenti tipologie:
-Impianto di illuminazione esterna ed interna normale e di emergenza;
-Impianto di F.M. di servizio;
-Impianto elettrico a servizio dell’impianto di riscaldamento e distribuzione dell’aria e di termoregolazione;
-Impianto antintrusione;
-Impianto di allarme incendio e segnalazione;
-Impianto di cablaggio strutturato (fonia/dati);
-Impianto di produzione di energia da fonte fotovoltaica.

L’impianto fotovoltaico in copertura prevede l’istallazione di un generatore fotovoltaico da 33 kWp, collegato in corrente continua agli inverters posti nel locale tecnico interrato ed accessibile dall’esterno.

Hai bisogno di una consulenza?
Scopri tutti i servizi
it_IT